barbiere-di-siviglia-opera-national-bordeauxUn’anima e un volto ottocentesco che pare uscito dall’intuizione pittorica teatrale e raffinata di Giovanni Boldini. Miriam Albano, giovane mezzo soprano veneziano, mi riceve nel suo camerino dell’ Opera National de Bordeaux con estrema gentilezza. Si muove fluida con gesti misurati ed eleganti, e mi fa accomodare scegliendo la seduta più’ comoda. Una delicata attenzione.

Mi sento a mio agio, le luci, gli specchi,  gli abiti di scena , le partizioni, gli oggetti personali. Un ordine sospeso nel tempo che risuona di esercizi di respirazione, vocalizzi, trilli, scale, arpeggi.

miriam-albano-mezzosoprano-la-bella-bordeaux

©Photo Michael Pöhn

Miriam studia molto, moltissimo. A Venezia si diploma in  canto al Conservatorio e studia violino per 8 anni. Continua gli studi alla Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna dove incontra la sua insegnante di canto Claudia Visca. E’ un appuntamento col destino. Impossibile mancarlo.  Miriam resta a Vienna, si laurea, vince concorsi, (Neue Stimmen 2015, Francisco Viñas 2016, Ferruccio Tagliavini 2014, Pietro Antonio Cesti for Baroque Opera (Innsbruck) 2014, Ada Sari (Poland) 2015. Finalista del BBC Cardiff Singer of the World 2017.) e nel 2016 debutta in uno dei più bei teatri al mondo la Wiener Staatsoper,é Cherubino nelle  Nozze di Figaro di W.A. Mozart. Dal 2016  si susseguono collaborazioni internazionali di prestigio, a Vienna, Venezia, Düsseldorf, Lugano, Roma e all’ Opera National de Bordeaux dove, fino al 12 febbraio,  interpreta Rosina nel Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini.

 

barbiere-di-siviglia-bordeaux

© Maitetxu Etcheverria

Il Barbiere di Siviglia  é un’opera buffa tratta dall’omonima commedia francese di Pierre Beaumarchais del 1755, une delle opere  più rappresentate al mondo. La versione bordolese voluta e diretta da  Marc Minkowski con la splendida macro-scenografia formata da gigantesche pagine musicali, di Laurent Pelly, é brillante e inusuale. Un bravissimo Figaro bordolese, il baritono  Florian Sempey,  tutto tatuaggi e lungo codino, un italianissimo Bartolo, il basso Carlo Lepore ed una Rosina, intensa ed espressiva, interpretata da  Miriam Albano.

La presenza di Miriam sulla scena é straordinaria, libera, forte, disinvolta,  la musicalità dolce e colorata, il canto morbido, ricco di sfumature e pieno di promesse. Dopo il nostro incontro so che niente é casuale. Miriam non solo ha carisma, ma é una ragazza determinata, perseverante e tenace, con una lunga strada davanti e nulla le impedirà di realizzare il suo sogno, quello di esprimere con la sua voce, tutto cio’ che la musica le richiede. Viel Glück liebe Miriam!  Bis bald.

 

*Il Barbiere di Siviglia – Opera National de Bordeaux fino a mercoledì 13 febbraio 2019. Per maggiori informazioni qui